Thriller

La donna del lago di Valerio Marra, Anno 2019

Lug 11, 2019 Barbara Galimberti
Trama 85
Suspense 81
Scrittura 80
82
Il nostro voto 82

IL LAGO CHE SEGNA ED INSEGNA

Il lago con i suoi silenzi e i suoi misteri accoglie meravigliosamente la scrittura di Valerio Marra. Proprio il lago, che nelle sue profondità è ricco di storie, fa emergere il corpo di una donna dalle sue acque livide.

Attorno a un disegno che sembra perfetto nelle sue linee, un giovane sostituto commissario si trova a indagare e scavare in quelle certezze che il lago ha sempre cercato di mostrare. È un’indagine attenta e scrupolosa, dove la perfetta collocazione degli indizi crea quel giusto stato di tensione nel lettore. Ma che cosa succede quando è proprio il lago a voler parlare, a rompere i suoi stessi silenzi?

L’autore ci trasporta verso una vigorosa lettura, grazie alla scrittura fluente, non artificiosa e per la sua capacità di far percepire il suo romanzo come fosse realtà. La trama ricca e accurata nelle descrizioni dei paesaggi e la credibilità dei personaggi che animano la storia, danno spessore il libro. Valerio Marra è riuscito a creare quelle giuste illusioni, che portano noi lettori a vivere la storia e a provare emozioni.

Illusione. Questa era: una flebile illusione.

È quindi un romanzo che restituisce sensazioni, per questo si nota sin da subito, che dietro questo libro vi è un ottimo processo creativo. Non è un insieme di pagine, di frasi o di lettere, ma è una storia che ha un suo corpo, la cui lettura è un’esperienza che lascia il segno.

Il lago sul cui fondale venivano custoditi migliaia di segreti e dove i suoi sogni sarebbero definitivamente sprofondati.

Editore: Newton Compton
Anno: 2019

Barbara Galimberti

About The Author

Da ragazzina ho incontrato per la prima volta un libro, grazie alla maestria di Agatha Christie e i suoi “10 piccoli indiani”, ho iniziato a immergermi nella lettura e il libro piano piano è diventato un grande amico. Prediligo i gialli, i thriller ma leggo libri di qualsiasi genere letterario. Ho amato “La trilogia di K” di A. Kristof, “In un milione di piccoli pezzi” di J. Frey, “Lessico familiare” di N. Ginzburg e molti altri. Nella mia libreria vi sono chiaramente i libri di Agatha Christie ma anche quelli di Kathy Reichs, John Grisham, James Patterson, Franco Forte, Giorgio Scerbanenco, Fulvio Capezzuoli… Sono sempre alla ricerca di nuove letture, nuovi autori e nuove passioni. Leggo ovunque e in qualsiasi momento. “Se mi state cercando mi troverete tra gli scaffali di una biblioteca con in mano un libro.”