Thriller

La gemella sconosciuta di Jane Robins, Anno 2018

Lug 09, 2018 Antonia Del Sambro
Trama 91
Suspense 80
Scrittura 90
87
Il nostro voto 87

IL THRILLER IN UN GIOCO DI SPECCHI

Le gemelle sono differenti dai gemelli. Avere una sorella è sempre qualcosa di più intimo, personale, ancestrale. Ci si scambia i vestiti, ci si imita e si è sempre un po’ invidiose l’una dell’altra. Il questo giallo di Jane Robins succede così e molto di più. Callie, la gemella timida, goffa e riservata addirittura si spinge a mangiare i denti da latte della gemella, i suoi capelli, gli avanzi di cibo e succhiare morbosamente il suo spazzolino da denti. Non è malata e non è infelice Callie, vuole solo essere un po’ Tilda anche lei. Perché Tilda è bellissima, popolare, affascinante e una vera leader. Succede così da piccole e succede così da adulte.

Callie ha un lavoro part-time in una libreria di quartiere e Tilda è una attrice affermata e famosa che viene riconosciuta per strada e sogna di andare a Hollywood. Le due sorelle, pur diversissime tra loro, si frequentano di tanto in tanto, guardano vecchi film insieme e mangiano pizza. Fino a che nella vita di Tilda appare Felix, bellissimo e benestante giovane americano che lavoro nella finanza londinese. Un uomo perfetto e dalle maniere impeccabili che cerca subito di entrare nelle grazie di Callie e per un po’ ci riesce. Ma quest’ultima è paranoica e iperprotettiva nei confronti della sua gemella e inizia a sospettare Felix di violenza domestica e supremazia psicologica. Comincia a vedere cose in Tilda che le appaio del tutto preoccupanti, infine, le due sorelle con il fidanzamento e il successivo matrimonio di una, quasi non si vedono più.

Presa dallo sconforto e dalle sue mille paranoie allora Callie si iscrive e consulta un sito dove si parla di donne succubi dei propri compagni violenti, si fanno esempi pratici e teorici e si commentano i fatti di cronaca che vedono donne uccise dagli uomini.

Callie si lascia influenzare fino alle conseguenze più estreme e questo la porterà in un vortice di errori e violenza che danneggerà inevitabilmente sua sorella e sé stessa.

Ne La gemella sconosciuta Robins presenta immediatamente il lettore le due sorelle in contrapposizione netta, innescando fin dalle prime pagine il gioco di specchi gemellabuona/gemellacattiva e questo gli permette di dare vita a una delle griglie narrative più comuni nel genere giallo. La bravura dell’autrice, però, è che intorno all’intera storia costruisce talmente tanti personaggi che i salti descrittivi finiscono per appassionare ancora di più i lettori che la trama vera e propria. Si deve aggiungere che Jane Robins scrive in maniera fluida e facile e che questo rende la lettura tanto piacevole quanto veloce.

In ogni caso, La gemella sconosciuta resta un ottimo libro da portarsi in vacanza, una lettura più che piacevole.

Traduzione: Francesco Graziosi

Editore: Editrice Nord
Anno: 2018