Thriller

Il bosco di Mila di Irma Cantoni, Anno 2017

Nov 20, 2017 Federica Belleri
Trama 70
Suspense 70
Scrittura 70
70
Il nostro voto 70 70

È il 12 dicembre 2010 quando Mila scompare. Ha quasi undici anni ed è andata con i compagni di classe della scuola media nel bosco alle spalle di Mompiano, nella zona nord di Brescia. Doveva essere una normale uscita mattutina con il professore e gli amici, trasformata poi in angoscia per i genitori di Mila e per chi si occupa di ritrovarla.  Il freddo invernale si sta facendo via via sempre più intenso. Perché portare la classe in un bosco spoglio? L’indagine viene affidata a Vittoria Troisi, cinquant’anni,  capo commissario della Omicidi di Brescia. Trasferita da Roma al nord, hacker per passione e necessità. Ex alcolista per disperazione. Difficili le sue relazioni con i colleghi e con gli amici. Ancora forte per lei il legame con la capitale, un cordone ombelicale impossibile da recidere. L’incubo ha inizio. Mila non si trova. Vittoria ha esperienza e pensa di potercela fare, ma i giorni passano senza risultati. I genitori della bambina sono spaventati e sembrano collaborare. Nulla però è come sembra. La natura incontaminata delle valli bresciane e le zone industriali periferiche nascondono segreti violenti e radicati sul territorio. L’egoismo si mescola alla tradizione. I giornalisti partono all’attacco.

L’autrice, Irma Cantoni, ci parla di immigrazione cinese, estorsioni, prostituzione. Ci porta indietro nel tempo, all’epoca dei partigiani. Ci racconta Berlino, la Russia e la follia di chi vuole comandare e manipolare. Cosa non è possibile confessare? Chi è padrone e chi suddito nella lussuosa villa di Mila?

Il bosco di Mila è un thriller dai risvolti sociali, economici, storici. È la voglia di condurre una vita normale, cercando di sopravvivere allo squallore tutto intorno. È la cecità di chi non vuole osservare, chiudendosi in una bolla dorata. È il cumulo di bugie che costringono Vittoria a guardarsi dentro e a temere per la piccola Mila. È la crescita di una città come Brescia, schiva e silenziosa. È lo spirito guida che accompagna sempre il commissario capo. È una famiglia importante che non esita a calpestare il prossimo con cattiveria,  pur di mantenere le apparenze. È azione, trattative, interrogatori, sopralluoghi. Dov’è Mila Morlupo?

Edizione: Libromania
Anno: 2017