Gialli Contemporanei

Vuoto di Maurizio De Giovanni, Anno 2018

Mar 26, 2019 Cristina Panepinto
Trama 100
Suspense 100
Scrittura 100
100
Il nostro voto 100

E’ IL MOMENTO DI FARE IL PUNTO

Nel suo ultimo libro Maurizio De Giovanni si ferma a fare il punto sui personaggi che hanno animato la fortunata serie di romanzi dedicati ai Bastardi di Pizzofalcone. Una pausa di riflessione delicata e profonda, in cui l’autore prova a capire quanto di irrisolto ci sia ancora nelle sue creature letterarie e quanto esse siano invece riuscite a evolversi all’interno della realtà in cui si sono trovati a vivere.

Per farlo, l’autore inserisce nella squadra un nuovo personaggio, l’algida e determinata Elsa Martini, che da Torino viene trasferita al commissariato di Pizzofalcone per lo stesso motivo per cui ci sono finiti tutti, ovvero l’istintiva tendenza ad agire secondo le proprie regole e l’incapacità di tenere sotto controllo le pulsioni quando si tratta di fare giustizia. Questa nuova presenza diventa per il gruppo una sorta di specchio, che riflette il punto da cui tutti sono partiti e li costringe a tirare le somme su quello che nel frattempo sono diventati.

Una dolorosa analisi di intenti e sentimenti, con cui i sette “Bastardi” cominciano a ragionare su se stessi e sul rapporto con le persone che amano. finendo per confrontarsi con ciò che manca nella loro vita. Ognuno nasconde infatti nel cuore un vuoto differente e  tutti, nessuno escluso, si rendono conto di trovarsi di fronte a un bivio, che reclama una scelta chiara.

L’arrivo della vice-commissaria Martini non è comunque soltanto un elemento destabilizzante. Serve anche a mostrare al gruppo il grado di coesione raggiunto fino a quel momento e gli fa assumere consapevolezza della propria identità. La squadra sa di possedere un proprio modo di portare avanti i casi e il fatto di doverlo trasmettere all’anarchica nuova arrivata, li aiuta a riconoscere quanto sappiano ormai lavorare in operosa sinergia. Ne è testimonianza l’indagine che si trovano ad affrontare con i loro consueti metodi poco convenzionali. Un caso inquietante, in cui il lettore è invitato a riflettere su quanto l’uomo riesca a lucrare sena scrupoli su indigenza e degrado.

Editore: Einaudi
Anno: 2018