stefano talone
Noir

Sbirri e culicaldi di Stefano Talone, Anno 2020

Set 09, 2020 Manuel Figliolini
Trama 80
Suspense 80
Scrittura 80
80
Il nostro voto 80

L’ESORDIO IN UNA LONDRA SOTTO ATTACCO

Un romanzo, Sbirri e culicaldi edito da Ensemble, che è anche esordio di Stefano Talone alla narrativa contemporanea. La scelta, la più ovvia in quest’epoca per chi si avvicina al genere, il noir. Ambientato a Londra e periferia, ci racconta degli attacchi terroristici, del terrore psicologico della paura e cosa vuol dire essere una seconda generazione in una terra non tua. Talone ci regala un bellissimo noir.

Scritto molto bene nella parte descrittiva e anche nei dialoghi, molti ed intensi, il romanzo di Talone si presta ad essere trasformato facilmente in sceneggiatura. Ha già fatto tutto lui. Costruito intorno alla ricerca di due ragazzi pakistani spariti e sospettati di progettare atti terroristici, Talone ci tiene incollati alla lettura per 348pp. Non solo raccontandoci la ricerca, ma anche le modalità applicate da Oliver Outeberry, detective dell’antiterrorismo, e Victor Gell, poliziotto di Lewisham. E qui l’autore spariglia in modo magistrale le carte: ci mostra i due volti della giustizia. Chi cerca di raggiungere il proprio obiettivo ad ogni costo, senza rispettare l’altro, soprattutto se può diventare un probabile terrorista. E per Outeberry basta solo la pelle di un colore diverso dalla sua. Dall’altro lato ci racconta la vita di un poliziotto di quartiere, con i suoi problemi, ma che conosce la gente, non solo in base al colore della pelle.

L’intrecciarsi di queste 3 storie, dei poliziotti e dei ricercati, formano la suspense che spinge a leggere fino alla fine il romanzo. La metodologia investigativa di Outeberry o quella di Gell? I ragazzi dove sono finiti? E perché sono spariti? Sono solo alcune delle domande che legano la lettura dall’inizio alla fine.

Un romanzo ben congegnato con alcuni piccoli dettagli che ci fanno ricordare che è un esordio e che Stefano Talone ha dimostrato di saperci fare con la penna. Racconta una storia che sappiamo tutti, il terrorismo in Europa era ed è una grande piaga. Abbiamo visto servizi ed esperti che ci raccontavano come succedono determinate cose, ma pochi ci hanno raccontato come si prevengono. Pochi ci hanno raccontato come si diventa un oggetto davanti alla paura ed alla salvezza. E come si rimane umani quando le persone si conoscono e non ci adagiamo su stereotipi. Leggendo il romanzo di Talone capiremo chi sono i culicaldi. Un esordio da non perdere.

La vettura non aveva nemmeno tre anni di vita e le fiancate erano già segnate come le guance di una vecchia. Nella notte nera quei graffi sembravano fatti da animali selvatici. La riconobbe subito. Era un modello troppo vecchio. La brina sulla strada aveva cristallizzato. Non pioveva da oltre ventiquattro ore. Brexill Road era immersa nel silenzio della notte e nei colori acidi di un lontano autobus che allungò l’immagine di due uomini mentre percorrevano la strada.

Editore: Ensemble
Anno: 2020