L'uomo del porto

L'uomo del porto

L'uomo del porto

Genere:
Editore:

Published: 04/05/2021

Format: Brossura

ISBN: 9788806247447

I CONTORNI DI VANINA GUARRASI SI DELINEANO SEMPRE PIU’

Si voltò e si rivoltò per mezza nottata. Aveva ceduto il suo letto a Federico e si era sistemata su una brandina. Bettina, che gliel’aveva preparata e perfino conzata di tutto punto, aveva, aveva pensato bene di tirare fuori per l’occasione certe lenzuola di lino ricamate provenienti dal su corredo, con cui Vanina aveva ingaggiato una lotta un attimo dopo essercisi infilata dentro…Fastidi che con la notte insonne, in realtà, centravano poco o niente.

Il buio e la luce. Il bene e il male. Il chiarore e l’oscurità. L’amicizia più profonda e la minaccia del nemico.

Cristina Cassar Scalia confeziona il suo ultimo romanzo tessendo una trama degli opposti dove i confini sono più netti che mai e nessun equivoco è possibile. 

Ci sono i cattivi, quelli che minacciano la sopravvivenza del vicequestore Vanina Guarrasi e i buoni che si prendono cura della sua persona e della sua vita. Ci sono gli incubi legati ai cattivi e a i nemici, e il calore della sicurezza che gli deriva da chi gli è stato sempre vicino anche se lei quasi non lo vedeva. C’è chi la vorrebbe affamata di vita e di normalità e chi la normalità cerca di costruirgliela intorno come una chioccia fa con i suoi pulcini. 

Il mondo di Vanina è questo: una pistola sempre carica che lei sa usare benissimo e una brandina con le lenzuola di lino. Un amore che non decolla e non si concretizza come tutti i suoi fan vorrebbero e una minaccia perenne che la tiene chiusa in casa, lei donna di azione che odia tutte le costrizioni e soprattutto sentirsi impotente. In questo mondo lei scalpita, ama, agisce, sogna e fa anche incubi. I lettori l’adorano per questo, perché è vera, verosimile, credibile e meravigliosa. 

E in L’uomo del porto tutte le caratteristiche del vicequestore Guarrasi sono, se possibile, ancora più delineate, vivide, precise. Accanto a lei come sempre il suo “amico del cuore” il commissario Biagio Patanè, ma anche Paolo e la sua squadra catanese. Tutti personaggi riuscitissimi e di grande fascino, tanto che se si fosse al cinema o al teatro si beccherebbero infiniti premi di pubblico e critica come attori non protagonisti. 

Una nuova indagine, quindi, per Vanina che dovrebbe restarsene in realtà chiusa in casa

Un mistero legato al ritrovamento del cadavere di Vincenzo La Barbera, solitario ex professore di filosofia in pensione che aveva deciso di vivere in una barca ormeggiata al porto. Un uomo, sulla carta, al di sopra di ogni sospetto. Eppure qualcuno prima lo ha ucciso e poi lo ha “scaricato” nel letto di un vecchio fiume sotterraneo che scorre nel centro di Catania. 

E Guarrasi nonostante tutte le beghe della sua complicatissima vita decide di prendere in mano il caso. Ma il mistero che avvolge la persona del professore ucciso è nascosto bene e le indagini si prospettano più complicate che mai. Chi voleva morto La Barbera? E perché? 

L’uomo del porto è probabilmente il più bel romanzo della serie dedicata al vicequestore Guarrasi e non perché i libri precedenti sono brutti, ma proprio perché in questo lavoro più che mai l’intera esistenza di Vanina è la cosa che sta più a cuore a chi legge. Più della trama in sé, dell’omicidio, delle indagini e della suspense. Brava la Cassar Scalia che ha capito tutti di noi lettori ed è evidente che ci ama!

4.9Overall Score

L'uomo del porto

I CONTORNI DI VANINA GUARRASI SI DELINEANO SEMPRE PIU' Si voltò e si rivoltò per mezza nottata. Aveva ceduto il suo letto a Federico e si era sistemata su una brandina. Bettina, che gliel’aveva ...

  • Trama
    5.0
  • Suspense
    4.6
  • Scrittura
    5.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *