provincia in giallo

LA FINALE

Sabato 13 aprile si è concluso il premio letterario “La provincia in giallo” che ha decretato il vincitore Raul Montanari. Gli altri due finalisti erano Mariolina Venezia e Fulvio Ervas. Il premio vuole mettere in risalto gli scrittori italiani che parlano della provincia. Trame gialle, noir e thriller ci raccontano la provincia con tutte le sue particolarità.

Siamo molto soddisfatti per la risposta di autori ed editori, che è la più alta in otto anni, e soprattutto per l’ottima qualità degli autori.

Sono state le parole della giurata e presidente del Rotary Club Cairoli: Bianca Garavelli.  Durante la cerimonia di premiazione sono stati assegnati due importanti premi. Il premio speciale “La provincia di Pavia in giallo” a Paola Mizar Paini con il romanzo “La casa delle ombre (Fratelli Frilli editore). Altro premio per la saggistica, “Premio Giuseppe Lippi” ad Eleonora Carta con il saggio “Breve storia della letteratura gialla” (Graphe edizioni).

IL VINCITORE

Raul Montanari ha vinto con il romanzo “La vita finora” (ed. Baldini+Castoldi) con la seguente motivazione:

Il romanzo trasferisce la grande tradizione del noir in un contesto provinciale, mettendo in scena un apocalittico confronto tra forze generazionali contrastanti, di assoluta attualità. Ciò che è antico sembra essere scritto nella roccia in questo ambiente rarefatto, dove le catene montuose paiono garantire l’esclusione dalle leggi del tempo e dello spazio. Ma è solo apparenza: la caduta dell’alleanza fra genitori e docenti, propria del mondo adulto, si ripercuote sulla fragilità, travestita da forza arrogante, del mondo degli adolescenti.
La scrittura evocativa e la singolare capacità di creare trame dell’autore si fondono in una storia di tensione dal ritmo incalzante, in cui i peggiori incubi prendono corpo e voce, mostrandoci in un crescendo inquietante i mali estremi della nostra società.

Il vincitore va ad aggiungersi ad una lista di scrittori italiani che negli anni precedenti hanno dato lustro al premio, tra i tanti possiamo citare Flavio Santi, Marco Malvadi e Ilaria Tuti per citarne alcuni.

Non ci resta che darvi appuntamento al prossimo anno.