Gialli Contemporanei

La sottile lotta dei vinti di Davide Gadda, anno 2020

Dic 07, 2020 Antonia Del Sambro
Trama 81
Suspense 77
Scrittura 85
81
Il nostro voto 81

UN GIALLO, UN HORROR, UN THRILLER

Hai finora sentito nominare il commendatore come sospettato di qualcosa? Se si è ritrovato alle sue dipendenze un paio di mascalzoni non è colpa sua! Parliamo di fatti, ispettore, non di fantasie.

 Davide Gadda ritorna nelle librerie con La sottile lotta de vinti, un romanzo corale che incanta i lettori fin dalle prime pagine. Che succede nella nostra società 2.0? Quale grado di corruzione abbiamo raggiunto? Chi muove le fila di tutto?

I protagonisti di queste undici storie sono il punto di origine e di conclusione di un romanzo dove la tensione rimane sotterranea, ma l’adrenalina si fa sentire quasi in ogni pagina.

La domanda che serpeggia in tutta la narrazione è i tanti Davide di questo mondo oscuro e minaccioso, di questa società abbruttita e corrotta riusciranno con le loro poche e scarse forze e la loro solo determinazione e volontà a sconfiggere i tanti Golia pronti a spazzare tutto e tutti pur di fare il proprio tornaconto?

La sottile lotta dei vinti in alcuni passaggi si trasforma quasi in un horror dove l’autore non risparmia nulla a chi legge e dove l’estremizzazione del male mette davvero i brividi.

Chi fa pratica nel male trova mille scusanti e mille giustificazioni alle sue azioni, le vittime o i puri non sono altrettanto sgamati e bravi, ma sono guidati dal senso di equità universale e questa dicotomia finisce per essere la vera forza dell’intera narrazione.

Più storie, più personaggi, più vite, più conclusioni.

Una bella prova autoriale di uno scrittore di grande fantasia e talento che si è fatto conoscere a tanti concorsi letterari in giallo e che scrive per pura e assoluta passione. Un viaggio sconcertante eppure intrigante in una società che mette paura.

Altre recensioni di Davide Gadda: Asso di picche

Editore :Porto Seguro
Anno: 2020