Si è terminata da poco, giusto una settimana, la seconda edizione di BOOK PRIDE, la fiera dell’editoria indipendente. L’evento si è tenuto a Milano in quello che era l’ex Ansaldo, in quella location tipica milanese, piena di storia e pronta ad accogliere la cultura.

Una tre giorni di libri, una fiera dell’editoria indipendente che cerca di crearsi uno spazio tra le grandi case, dimostrando di avere tra i suoi scrittori dei grandi autori, freschi e meno sottomessi dal marketing che cercano l’originalità ed hanno grandi capacità letterarie. E’ stato un weekend intenso, colmo di persone e libri, incontri, facce e sorrisi. Le piccole case hanno dimostrato le loro capacità selettive e comunicative portando le proprie opere alla luce. Agli stand si sono alternati eventi interessanti per gli amanti dei libri, per gli scrittori e per i librai che hanno scandito i tre giorni di Book Pride.

Per quanto riguarda il nostro settore, il romanzo poliziesco, abbiamo conosciuto tante case editrici con cataloghi stracolmi di originalità, e abbiamo preso i libri più interessanti per potervene parlare nei prossimi mesi e vi faremo conoscere, tra i tanti editori, delle storie avvincenti e delle capacità letterarie capaci di sfidare anche autori di elevata caratura. Vi parleremo di Nova Delphi, Astoria, Homo Scrivens, Keller, Giulio Perrone, Graphofeel, NNE e tanti altri.

Ringraziamo tutti, gli organizzatori, gli editori e i visitatori per aver reso questo evento un punto fermo e sicuro nel panorama culturale milanese. E traducendo un social network famosissimo possiamo dire che qui ci sono state molte facce e molti libri. #stayyellow