Gialli Contemporanei

Tende rosse di Angelo Agnello, Anno 2017

Nov 02, 2017 Federica Belleri
Trama 70
Suspense 70
Scrittura 61
67
Il nostro voto 67

I diciotto anni di Giovanni sono legati al suo lavoro al mercato di Palermo, alla protezione di Don Antonio, e alla vita di sua madre. Diciotto anni e un mondo davanti a sé.  Ma quale strada dovrebbe percorrere? Con quali persone sarebbe giusto che parlasse? I banchi del mercato ascoltano e osservano, nessuno può sentirsi al sicuro. I vicoli colorati ci presentano botteghe profumate, ci sono urla, schiamazzi e gente fino a tarda sera. Le ombre invece nascondono ben altro: delinquenti che sfrecciano veloci e svaniscono nel nulla.

Giovanni è un ragazzo sveglio, ama leggere e si tiene aggiornato. È una presenza scomoda per le generazioni tradizionaliste. Giovanni percepisce, guarda e memorizza fatti che dovrebbe dimenticare. Tutti glielo consigliano, ma lui è una testa dura e vuole la verità. È combattuto, spaventato e tormentato da un amore imprevisto. Ma è deciso a procedere, non può continuare a stare zitto. Mentre corre per smaltire rabbia e adrenalina, Giovanni ci mostra la sua Palermo. Dai teatri al mare, dalle chiese alla vecchia tonnara. La sua città vive con lui, che la attraversa con gli occhi e il cuore. Corre, suda, scarica le tensioni ma è consapevole dell’esistenza della mafia, che si respira ovunque. Di chi fidarsi?

Un originale libraio e una bellissima ragazza ipovedente lo aiuteranno ad approfondire una storia dai risvolti pericolosi, oscuri e crudi, fra testi storici e scene d’azione.
Questo è il primo romanzo di Angelo Agnello. Racconta la storia di Giovanni, che scrive in prima persona. Racconta una parte della sua vita, vissuta nel dolore. Della fuga da Palermo, attraverso un programma di protezione. Del vuoto per aver lasciato le sue radici al sud e della pienezza limpida nel sentirsi libero e onesto.

Tende rosse. Un romanzo breve, semplice.  Vero, empatico, riflessivo. Buona lettura.

Editore: Bonfirraro
Anno: 2017