Gialli Contemporanei

Delitti nell’orto di Anna Maria Castoldi e Miriam Donati, Anno 2017

Nov 23, 2018 Barbara Galimberti
Trama 79
Suspense 75
Scrittura 80
78
Il nostro voto 78

QUALI MISTERI SI CELANO DIETRO I POMODORI E LE FOGLIE DI LATTUGA

Dal 2017  ” Delitti nell’orto” è presente tra gli scaffali delle librerie. Di recente ho partecipato alla presentazione del libro presso una biblioteca milanese, dove ho potuto conoscere le autrici. Due persone semplici, allegre e ricche di storie da raccontare.

Il romanzo risulta immediatamente comprensibile e lineare, a tratti umoristico. Allo stesso tempo, fin dalle prime pagine, aleggia un senso di mistero che va crescendo di intensità capitolo dopo capitolo. La storia si svolge in un fantomatico borgo alle porte di Milano dove vi sono i pettegolezzi, le risate e le amicizie tipiche del piccolo paese.

Tutto gira attorno all’orto con i suoi ortisti, i suoi colori e profumi e che in qualche modo vuole rappresentare la memoria e la cultura di ieri di oggi. Nel libro vi sono tre distinti racconti in realtà legati tra loro grazie al paese che risulta avere un ruolo da protagonista, all’ispettore Ruggero arrivato da poco, e Onorina che con il suo intuito e le sue doti da investigatrice viene da tutti chiamata “Sciura Marpol”.

Sono tutti personaggi credibili, nei loro aspetti positivi e negativi, la loro descrizione non prevede mai una parola di troppo, direi che sono plausibili. Il linguaggio utilizzato è pulito e i tratti dialettali rendono il libro divertente, l’uso dell’articolo davanti al nome (usanza tipica milanese) caratterizza il racconto come vivo, reale, dove il lettore si sente inserito nella storia.

Poco più di 190 pagine che si leggono velocemente, senza stancare. Non è un romanzo impegnativo e non tiene il lettore sul filo del rasoio ma è un giallo piacevole, rilassante ed è di facile lettura anche per chi non è un amante di questo genere di libri.

Editore: Happy Hour Edizioni
Anno: 2017

Barbara Galimberti

About The Author

Da ragazzina ho incontrato per la prima volta un libro, grazie alla maestria di Agatha Christie e i suoi “10 piccoli indiani”, ho iniziato a immergermi nella lettura e il libro piano piano è diventato un grande amico. Prediligo i gialli, i thriller ma leggo libri di qualsiasi genere letterario. Ho amato “La trilogia di K” di A. Kristof, “In un milione di piccoli pezzi” di J. Frey, “Lessico familiare” di N. Ginzburg e molti altri. Nella mia libreria vi sono chiaramente i libri di Agatha Christie ma anche quelli di Kathy Reichs, John Grisham, James Patterson, Franco Forte, Giorgio Scerbanenco, Fulvio Capezzuoli… Sono sempre alla ricerca di nuove letture, nuovi autori e nuove passioni. Leggo ovunque e in qualsiasi momento. “Se mi state cercando mi troverete tra gli scaffali di una biblioteca con in mano un libro.”